Turisti casuali si cimentano in passeggiate inusuali!

[fusion_builder_container hundred_percent=”yes” overflow=”visible”][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”]
Scpriamo il nostro Salento: Lu Lavaturu

Salve a tutti “spiaggini” salentini!

Il bel tempo è alle porte, così ho pensato di dedicarmi ad un’altra rubrica. Cosa c’entra il tempo? Beh quando lui me lo concederà andrò in giro nelle mia zona del Salento in cerca di posti “nuovi” tutti per voi!

Contenti? Mi auguro proprio di si!

L’idea mi è venuta proprio la settimana scorsa quando, grazie ad una bella mattinata di sole, mi sono avventurata nella zona di Tricase, precisamente nella nostra bella Marina Serra.

Vi ho parlato già nella scheda delle bellissime acque limpide, delle grotte e della torre di questa località, ciò che non sapevo era però la presenza di un’altra scogliera, un’altra zona di mare, poco lontana dal porticciolo.

È una zona abbastanza ampia, con un grande parcheggio, ciò che mi ha colpito appena arrivata è uno scoglio enorme che mi sono ritrovata di fronte. Tratto di scogliera molto alto e per altro ricco di verde e di strani “terrazzamenti” per i quali mi sembrava di essere in un paesaggio montano o addirittura irlandese, ovviamente se non ci stato lo splendido mare salentino ai suoi piedi!

La discesa al mare mi è apparsa piuttosto accessibile, nonostante sia del tutto naturale, la zona è costituita dai solito scogli appunti e a tratti più levigati dal mare, sono presenti tantissimi crateri scavati appunto dalla forza del mare ma nonostante ciò i posti per prendere il sole sono abbondanti.

Le acque sono piuttosto profonde fin da subito, per questo credo che in estate molti giovanotti utilizzino gli scogli più alti per cimentarsi in tuffi fantasiosi.

Sono presenti delle scale in pietra che vanno appunto dal parcheggio fino alla zona.

Ho potuto notare simpaticamente che la zona viene denominata “LAVATURU” che nel dialetto delle nostre zone si utilizza per indicare  la tavoletta su cui si strofinavano i panni durante il lavaggio a mano. 

Credo che il nome derivi proprio dalla particolare conformazione degli scogli, magari chissà in tempi antichi le donne del paese scendevano in questo punto per lavare i loro panni sporchi!

Vi allego una foto e vi premetto che nella prossima “escursione” porterò dietro anche la telecamera per farvi anche un breve video!
Spero vi piaccia!

di Laura M. 

[/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”1_1″ background_position=”left top” background_color=”” border_size=”” border_color=”” border_style=”solid” spacing=”yes” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” padding=”” margin_top=”0px” margin_bottom=”0px” class=”” id=”” animation_type=”” animation_speed=”0.3″ animation_direction=”left” hide_on_mobile=”no” center_content=”no” min_height=”none”][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]