[fusion_builder_container background_color=”” background_image=”” background_parallax=”none” enable_mobile=”no” parallax_speed=”0.3″ background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” video_url=”” video_aspect_ratio=”16:9″ video_webm=”” video_mp4=”” video_ogv=”” video_preview_image=”” overlay_color=”” overlay_opacity=”0.5″ video_mute=”yes” video_loop=”yes” fade=”no” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”” padding_top=”20px” padding_bottom=”20px” padding_left=”0px” padding_right=”0px” hundred_percent=”no” equal_height_columns=”no” hide_on_mobile=”no” menu_anchor=”” class=”” id=””][fusion_builder_row][fusion_builder_column type=”4_5″ last=”no” spacing=”yes” center_content=”no” hide_on_mobile=”no” background_color=”” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” border_position=”all” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”solid” padding=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”” animation_speed=”0.1″ class=”” id=””][fusion_slider hover_type=”none” width=”800″ height=”600″ class=”” id=””][fusion_slide type=”image” link=”” linktarget=”_self” lightbox=”yes”]http://www.spiaggedelsalento.com/wp-content/uploads/2015/02/s.cataldo4.jpg[/fusion_slide][fusion_slide type=”image” link=”” linktarget=”_self” lightbox=”yes”]http://www.spiaggedelsalento.com/wp-content/uploads/2015/02/s.cataldo3.jpg[/fusion_slide][fusion_slide type=”image” link=”” linktarget=”_self” lightbox=”yes”]http://www.spiaggedelsalento.com/wp-content/uploads/2015/02/s.cataldo2.jpg[/fusion_slide][fusion_slide type=”image” link=”” linktarget=”_self” lightbox=”yes”][/fusion_slide][/fusion_slider][fusion_text][pro_ad_display_adzone id=”13596″][/fusion_text][fusion_text]

E’ una piccola frazione, abitata da mille abitanti, contesa amministrativamente tra Lecce e Vernole. E’ generalmente riconosciuta come una marina di Lecce, non a caso infatti la località balneare dista solo 10 km dal capoluogo salentino e alcuni la chiamano “il mare dei leccesi”.

L’imperatore Adriano costruì qui un primo porto nel II secolo D.C. e nonostante da allora sia stato più volte distrutto e ricostruito, è ancora parzialmente visibile.

Il moderno porto turistico, affacciato sull’Adriatico, può ospitare fino a 200 imbarcazioni (entro alcuni limiti: non a vela, con pescaggio non superiore a 1,5mt e non più lunghe di 12 metri) ed è caratterizzato anche dalla presenza di un noto faro.

Per un lungo periodo, fin quasi ai primi del ‘900, la zona rimase disabitata perché paludosa ed insalubre. Furono poi attuate grosse opere di bonifica in epoca fascista per tutto il tratto di costa da San Cataldo ad Otranto, che riuscirono a recuperare così delle località dalle enormi potenzialità turistiche.

Il mare di S.Cataldo è caratterizzato da acque cristalline e spiagge dalla sabbia fine.

L’area costiera è divisa dall’entroterra da alcune pinete e dalla riserva naturale delle Cesine.

La terra è intrisa di folklore, non a caso ogni domenica (anche d’inverno) si tiene un mercato ortofrutticolo e sono numerose le feste e sagre di paese organizzate dalla pro-loco. Tra queste manifestazioni, tutte da gustare, si ricorda soprattutto la Sagra del Pane dove si possono assaggiare pucce con le olive e gustosissimi pizzi (pane molto fragrante, insaporito con cipolle e pomodori) tipici di queste zone del Salento.

by Caterina De Bellis

  • Name*
    0
  • Email*
    1
  • 2
[/fusion_text][/fusion_builder_column][fusion_builder_column type=”1_5″ last=”yes” spacing=”yes” center_content=”no” hide_on_mobile=”no” background_color=”” background_image=”” background_repeat=”no-repeat” background_position=”left top” border_position=”all” border_size=”0px” border_color=”” border_style=”solid” padding=”” margin_top=”” margin_bottom=”” animation_type=”” animation_direction=”” animation_speed=”0.1″ class=”” id=””][fusion_text][/fusion_text][/fusion_builder_column][/fusion_builder_row][/fusion_builder_container]